Il commento del consigliere regionale Sabino Zinni, dopo il gesto forte del Premier

«Spero – scrive Zinni – che il gesto di ieri sera di Conte, che – dopo 6 ore di riunione con gli altri capi di governo europei – si è rifiutato di firmare le bozze finali, sia arrivato forte e chiaro al resto del continente.
L’Italia su questo punto non può e non deve fare neanche un passo indietro. Stiamo vivendo una situazione eccezionale, mai vista prima, e ancora più eccezionale sarà la situazione che ci troveremo a vivere quando dovremo fare i conti con i danni economici di questa sciagura che è il Coronavirus.
A una situazione eccezionale non è accettabile che l’Europa risponda con strumenti standard. Per noi, per la Spagna, per la Francia, servono gli straordinari, e prima i Paesi del Nord Europa lo capiscono, meglio è.
Sono un europeista convinto, e proprio per questo so riconoscere che non era questo il sogno europeo di De Gasperi, di Adenauer, di Shumann, di Jean Monet, di Altiero Spinelli.
L’Europa o in questo frangente mostra la sua utilità, e la sua funzione a favore di tutti, o naufraga miseramente. E vedere naufragare un sogno costruito con tanta fatica e dedizione, sarebbe la vera tragedia».

LASCIA UN RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here