Il Mediterraneo, da cimitero a luogo di resurrezione

0

«Tutto il senso delle parole dette da Papa Francesco oggi a Bari, come il senso della sua visita stessa, sta nell’esortazione a trasformare il Mediterraneo da cimitero a luogo di resurrezione.

“Ecco l’opera che il Signore vi affida per questa amata area del Mediterraneo: ricostruire i legami che sono stati interrotti, rialzare le città distrutte dalla violenza, far fiorire un giardino laddove oggi ci sono terreni riarsi, infondere speranza a chi l’ha perduta ed esortare chi è chiuso in sé stesso a non temere il fratello e guardare questo già divenuto cimitero come un posto di futura resurrezione di tutta l’area”.

È la seconda volta che il Papa viene a Bari nel giro di poco tempo. Un anno e mezzo fa, proprio a Bari, incontrò i responsabili della comunità cristiane del Medio Oriente. Quella era la prima volta dopo il grande scisma, tanto che Bari potrebbe essere chiamata la capitale dell’unità della Chiesa.

È come se Papa Bergoglio avesse voluto investire la nostra terra, una lingua di terra protesa nel Mare Nostro, di una missione, quella di essere riannodatrice dei legami perduti. Una missione difficile, ma che a noi che piacciono le sfide, non possiamo non cogliere».

(Sabino Zinni)

LASCIA UN RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here